Giorgos Samaras, il gigante buono

Di Angelo Guido

Questa è la storia di un gigante buono che viene da lontano e del suo piccolo amico. Il primo si chiama Giorgos Samaras ed è un lungagnone greco che di professione fa l’attaccante tra le fila dell’Al-Hilal, dopo aver bucato per quasi un decennio le reti di mezza terra d’Albione.

Il secondo si chiama Jay Beatty, è un undicenne con sindrome di Down e può già fregiarsi del titolo di miglior gol del mese della Scottish Professional Football League, la massima serie dei campionati di calcio scozzese. Ma facciamo un passo indietro.

Jay Beatty, da Lurgan, Contea di Armagh, è uno sfegatato tifoso dei Celtic di Glagow, il club bianco-verde tradizionalmente associato alla comunità cattolica della più grande città della Scozia. Il primo incontro tra i due avviene nel 2014 quando il Celtic, allora trainato dai gol del centravanti ellenico, giocano una partita amichevole in Irlanda. Trascorrono pochi mesi ed ecco che i Bhoys si laureano campioni di Scozia, conquistando il quarantacinquesimo titolo della propria storia. Per Jay è un trionfo.

Il tecnico Neil Lennon, già centrocampista e bandiera del club, consegna al piccolo tifoso una medaglia. Qualche istante dopo arriva Samaras, capitano e idolo della tifoseria, alla sua ultima partita al Celtic Park, destinato com’è a volare in Arabia Saudita per abbracciare una nuova avventura. L’attaccante rende a Jay l’onore più grande: lo carica fra le sue braccia e compie, tra l’emozione dei 60.000 tifosi stipati tra gli spalti, il più classico tra i giri di campo. Le immagini fanno il giro del mondo e Jay diviene una celebrità in tutta la Scozia. Giorgos, invece, saluta i propri compagni e parte verso Riyad, dove proverà a ripetere ciò che meglio gli riesce: gonfiare le reti avversarie. Potremmo fermarci qui, ma la storia non è ancora volta al suo – provvisorio – epilogo.

Gennaio 2015, intervallo di Celtic Glasgow-Hamilton. Jay, acclamato dalla folla, si dirige verso il dischetto di rigore. Il piede è caldo, Jay calcia la sfera che si insacca in un battito di ciglia in rete. Il gol viene eletto con il 97,7 % dei voti il gol più bello del mese in Scozia, con tanto di targhetta consegnata dal nuovo capitano degli Hoops, Charlie Mulgrew. Ad annunciare la vittoria, però, è stato, ancora una volta, il suo grande amico Samaras, tramite un video messaggio sul proprio profilo Twitter che recita: “Jay my friend, me and you are the same, scoring goals. I’m very happy to announce that you won the goal of the month. Well done pal, great job. I miss you and I love you. See you, Jay”.

Ogni altra parola, adesso, sarebbe superflua. Alla prossima partita, Jay.

X